giornata mondiale della gioventù

12 agosto: Giornata Mondiale della Gioventù

Il 12 agosto si celebra la Giornata Mondiale della Gioventù. Istituita dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite nel 1999, la giornata si pone l’obiettivo di mettere in evidenza i bisogni e i desideri della gioventù contemporanea, ma anche i mezzi di cui hanno bisogno per avere successo nella vita, lavorativa e non, per avere un impatto positivo sulla comunità in cui vivono.

Il tema scelto per quest’anno è “Solidarietà Intergenerazionale: creare un mondo per tutte le età.”

Quando si parla di gioventù, e di giornata dedicata alla gioventù, occorre tenere a mente che non si sta parlando di infanzia e che le necessità, ma anche i diritti e i doveri, di bambini e giovani sono diversi.

Se i primi infatti hanno il diritto a crescere in un ambiente sano e sicuro, ad avere un’infanzia normale lontana dal mondo del lavoro, specie se legato a forme di sfruttamento e ad andare a scuola per costruirsi un futuro sereno e soddisfacente, i “giovani” hanno qualche diritto-dovere in più.

È diritto e dovere della gioventù partecipare attivamente al progresso della propria comunità e dell’ambiente in cui vivono, diventare cittadini attivi del loro paese di provenienza, farsi parte attiva del cambiamento sociale, economico e politico che sperimentano ogni giorno.

I giovani hanno il diritto e dovere di non subire il futuro, ma di costruirlo. Al contempo, le istituzioni, governative e non, hanno il dovere di mettere ogni giovane nelle condizioni di costruire il proprio futuro, come individuo e come membro della collettività.

È quel che cerchiamo di fare ogni giorno come organizzazione e lavorando con il nostro staff nelle baraccopoli di Nairobi. Non ci fermiamo all’istruzione primaria, non ci limitiamo a proteggere e accudire i nostri bambini durante i primi anni di scuola, ma li seguiamo passo passo nel loro percorso di crescita fino all’ingresso nel mondo del lavoro.

Allo stesso tempo, li aiutiamo a diventare dei membri funzionali della società in cui vivono, con corsi di educazione civica e sessuale/riproduttiva, ma anche corsi di leadership e counseling psicologico.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su linkedin
LinkedIn