vaccini anti-Covid in Africa

A che punto siamo con i vaccini anti-Covid in Africa?

A che punto siamo con le vaccinazioni anti-Covid in Africa?
Ormai lo sappiamo, dalla pandemia possiamo uscirne solamente tutti insieme.
La campagna di vaccinazione nei paesi occidentali ha raggiunto in molti casi di risultati molto positivi e incoraggianti, ma in troppi paesi l’accesso ai vaccini resta negato a milioni di persone. Questo non solo viola i loro diritti e mette a repentaglio la loro salute, ma apre la porta allo sviluppo di nuove varianti che possono interessare tutto il mondo.

Qualche dato sui vaccini anti-Covid in Africa

Attualmente, sono 334 milioni le dosi somministrate in tutta l’Africa. Per fare un paragone, nella sola Italia siamo a circa 120 milioni di dose somministrate.
Questo porta a un desolante 10% circa di popolazione africana vaccinata, contro un dato globale che sfiora il 50%.

Dati allarmanti che testimoniano come in Africa i vaccini non siano ancora arrivati. Apparentemente.

Secondo l’Africa Centres for Disease Control and Prevention le dosi attualmente totali di vaccino anti-covid in Africa sarebbero infatti 564 milioni. La domanda quindi sorge spontanea: che fine hanno fatto i circa 230 milioni di vaccini che non sarebbero stati somministrati?

Restano negli ospedali.

Il vaccino è gratuito, ma manca la filiera

I vaccini in Africa ci sono e sono gratuiti. In Kenya, paese in cui operiamo da più di 15 anni, sono milioni le dose che aspettano di essere somministrate a più del 90% della popolazione vaccinabile ancora in attesa.

Quel che manca è la filiera sanitaria che porti il vaccino alle persone che ne necessitano. Manco hub vaccinali, personale sanitario esperto, mezzi di trasporto adeguati per i vaccini.

Senza un’organizzazione simile, i vaccini restano negli ospedali africani e keniani.
Nel mentre, milioni di persone continuano ad ammalarsi, nuove restrizioni continuano a peggiorare ulteriormente la vita dei kenioti, in particolare modo di coloro che vivono in contesti più poveri come appunto le baraccopoli di Nairobi.

Nel mentre, nuove varianti possono continuare a svilupparsi, mettendo a repentaglio la sicurezza di tutti.

Condividi:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn

Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi il nostro Alice Magazine