malattie croniche in Africa

La piaga delle malattie croniche in Africa

Le malattie croniche in Africa sono una vera piaga che colpisce ogni anno milioni e milioni di persone. Una malattia cronica è una malattia che presenta sintomi che non si risolvono nel tempo né giungono a miglioramento.

Sono malattie che colpiscono gran parte della popolazione africana, debilitandone la salute e mettendone la vita a costante rischio. Gran parte delle malattie croniche in Africa sono curabili, ovvero è possibile tenerle sotto controllo, tuttavia l’accesso alle cure non è affatto garantito, rendendo queste malattie molto più gravi.

Malattie croniche in Africa: il caso dell’AIDS

Nonostante l’AIDS e più in generale l’HIV siano ancora molto diffuse nel mondo, l’attenzione mediatica che i media occidentali vi dedicano è molto scemata negli anni. Questo, naturalmente, per lo sviluppo di cure sempre più efficaci che hanno permesso non ancora di curare la malattia ma di tenerla sotto controllo. L’AIDS, sempre grazie alle cure, non è più considerata una malattia mortale, ma soltanto una malattia cronica.

In Africa, però, continua a fare migliaia e migliaia di vittime. Questo perché l’accesso alle cure è precluso per i milioni e milioni di poveri che abitano nel continente africano. Nel 2018, in Africa, si contava quasi mezzo milione di morti dovuto alla sola AIDS.

Anemia falciforme: la situazione africana

Si tratta di una malattia ereditaria in cui i globuli rossi assumono una forma molto simile a quella di una falce e, per questo, non riescono a svolgere tutte le loro funzioni come dovrebbero. Sebbene sia diffusa in tutto il mondo, l’80% delle persone affette da questa malattia vivono nell’Africa sub-sahariana, dove spesso la patologia non viene diagnosticata se non quando manifesta i sintomi più gravi.

Il Covid ha peggiorato la situazione

Dopo ormai due anni di pandemia abbiamo ben capito quanto la presenza di comorbidità aumenti esponenzialmente la letalità del virus. In un contesto come quello africano, in cui milioni e milioni di persone soffrono di malattie croniche spesso non curate correttamente, questa tendenza si aggrava ancora di più.

Le malattie croniche in Africa rappresentano uno dei principali motivi di preoccupazione per l’andamento della pandemia, aumentando di molto la mortalità media.

Portare i vaccini negli slum di Nairobi

Proprio per questo motivo è fondamentale per la popolazione africana avere accesso ai vaccini contro il Covid. In Africa meno del 20% della popolazione ha ricevuto un vaccino contro il Covid. Questo, nonostante gli ospedali africani abbiano intere scorte di vaccinazione, senza che questi vengano efficacemente portati alla popolazione.

Proprio per questo motivo stiamo portando i vaccini nelle baraccopoli di Nairobi, dove operiamo da più di 15 anni.
Qui sono milioni le persone affette da malattie croniche, e moltissime di loro non hanno accesso a un trattamento medico costante che tenga sotto controllo la malattia.

Portare un vaccino a queste persone significa proteggere la loro salute e la loro vita.

Condividi:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn

Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi il nostro Alice Magazine