violenza sulle donne

Giornata Internazionale contro la Violenza sulle Donne – 25 Novembre

Riflessioni Profonde sulla Giornata Internazionale contro la Violenza sulle Donne

Sabato 25 Novembre abbiamo avuto l’opportunità di fare una conversazione assieme alla nostra squadra di calcio femminile Wangu Milan, composta dalle ragazze che di Alice Village e delle nostre scuole, sul tema della violenza sulle donne. Abbiamo voluto porre il focus principale nell’esplorazione delle radici profonde della violenza di genere, concentrandosi sulle esperienze personali delle ragazze nel loro ambiente quotidiano.

Durante questo incontro, abbiamo anche analizzato la toccante storia di ‘Stella’ e valutato le decisioni dei personaggi coinvolti, sia maschili che femminili. L’obiettivo era classificarli in base all’impatto delle loro azioni, generando una discussione approfondita sulla natura complessa della violenza di genere e della violenza sulle donne.

Un punto di particolare interesse è emerso quando alcune ragazze, in particolare le studentesse delle scuole superiori, hanno rivelato lacune nella loro comprensione dei vari tipi di abuso, essendo a conoscenza solo di quella fisica. Questa constatazione sottolinea l’importanza cruciale dell’educazione continua su questo tema, al di là delle manifestazioni più evidenti di violenza fisica.

La discussione ha approfondito tematiche cruciali come il femminicidio e ha sollevato interrogativi sulle caratteristiche di genere, aprendo la porta a una conversazione significativa sulla necessità di superare gli stereotipi dannosi.

Quest’esperienza è solo uno dei tanti modi in cui Alice for Children cerca sensibilizzare la comunità degli slum si Nairobi e combattere contro la violenza sulle donne e la violenza di genere.

Spezziamo il circolo della violenza sulle donne: il programma SLUM GIRLS

In un contesto dove le donne e le bambine affrontano sfide complesse legate alla violenza e alla mancanza di opportunità, il programma Slum Girls di Alice for Children si pone come baluardo contro questo ciclo di difficoltà. Nell’ambito della Giornata Internazionale contro la Violenza sulle Donne, riconosciamo la necessità di affrontare specificamente le problematiche che coinvolgono le giovani ragazze nelle comunità vulnerabili di Nairobi.

Negli slum di Nairobi, uno dei luoghi più poveri del mondo, le violazioni dei diritti umani sono la normalità. Le bambine devono sfidare ogni giorno la povertà estrema in cui vivono i 3 milioni di abitanti delle baraccopoli, ma non solo. Discriminazione di genere, mutilazioni genitali femminili, matrimoni e gravidanze precoci, sono fenomeni che colpiscono moltissime bambine, rendendo la loro vita ancora più difficile. 
Essere una donna in un luogo come lo slum è una sfida continua, una sfida per costruirsi un futuro migliore.

PERIOD POVERTY E VIOLENZA DI GENERE: LE BAMBINE DELLO SLUM VENGONO DISCRIMINATE OGNI GIORNO

La Period Poverty è l’impossibilità delle donne di potersi garantire un’igiene adeguata durante il ciclo mestruale.
Questo porta a gravi forme di discriminazione, obbliga le ragazze delle baraccopoli a restare chiuse nelle loro baracche durante i giorni del ciclo e rende impossibile frequentare la scuola. Facendo un rapido calcolo, si scopre come le bambine vittime della Period Poverty perdano ogni anno più del 20% dei giorni di scuola.
Il 90% delle donne degli slum del Kenya non può permettersi di acquistare assorbenti igienici.
Allo stesso tempo, nel contesto di degrado ed emarginazione dello slum, le violenze e gli abusi sessuali sono all’ordine del giorno.
Povertà e ignoranza, anche riguardo alla propria sessualità, causano un circolo vizioso in cui le donne, ancora una volta, hanno la peggio. Si stima che in Kenya quasi la metà delle donne dai 15 ai 70 anni abbia subito violenza almeno una volta nella vita.

EDUCAZIONE E PARITÀ DI GENERE: LE CHIAVI PER IL FUTURO

L’istruzione è il modo migliore per interrompere un circolo vizioso di discriminazioni e violenze. Portare una bambina a scuola significa difendere i suoi diritti, ma anche sensibilizzare la comunità intera verso la difesa dei diritti di ogni bambina, ragazza e donna delle baraccopoli.
La discriminazione di genere è una delle cause primarie dell’abbandono scolastico tra le ragazze, specie in contesti difficili come le baraccopoli. In una famiglia con fratelli e sorelle, i genitori investono sull’educazione dei figli maschi lasciando da parte le figlie femmine.
Spesso sono le bambine a rimanere a casa mentre i fratelli vanno a scuola, e sempre più spesso ci capita di inserire bambine nei nostri progetti accorgendoci che il loro livello scolastico non va di pari passo con l’età anagrafica.
Per eliminare questa profonda discriminazione abbiamo pensato ad un programma speciale: Un Accelerate Learning Program.
Un programma di apprendimento intensivo attivabile durante le scuole elementari e medie per le ragazzine che non hanno avuto la possibilità di studiare regolarmente. Grazie a lezioni dedicate e ad un tutoring individuale, le bambine possono recuperare il tempo perso rimettendosi in pari, senza per questo ricevere un’istruzione di minore qualità.

Se anche tu vuoi aiutare le bambine e le donne degli slum di Nairobi a combattere la violenza di genere per costruire un futuro migliore visita la nostra pagina: DIFENDI I DIRITTI DELLE BAMBINE DELLE BARACCOPOLI


Dona ora per un futuro migliore per le nostre bambine




Condividi:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn

Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi il nostro Alice Magazine