Dove si trova Korogocho

Dove si trova Korogocho?

Dove si trova Korogocho?

Korogocho si trova a Nairobi, in Kenya, ed è una delle baraccopoli più estese della capitale keniana.

È emblematico che il nome ‘Korogocho’, in kikuyu, una delle lingue parlate nel paese, significhi “confusione“. Provate a immaginare di essere cresciuti nella sporcizia, o a due passi da un’immensa discarica inquinante e tossica. Immaginate, per quanto la vostra capacità di astrazione vi permetta, di camminare tutti i giorni per le strade sterrate e anguste, costeggiate da baracche assemblate alla rinfusa, all’apparenza prossime al crollo e messe lì provvisoriamente in attesa di una soluzione abitativa migliore.

L’odore pungente e aggressivo alle narici dell’immondizia lasciata fermentare per un tempo imprecisato, l’odore di escrementi, di pioggia stagnante. Provate a ricostruire nella vostra mente uno spazio popolato da bambini e persone che affollano le strade e che vivono in queste baracche di pochi metri quadri, senza acqua corrente o elettricità. Questo è il disarmante spettacolo di Korogocho.

Dove si trova Korogocho?

Gli slum di Nairobi sono in tutto un centinaio; il più grande è di gran lunga quello di Kibera, con una popolazione stimata intorno al milione di persone, il più povero è quello di Mitumba, dove si registra un tasso di sieropositivi del 60% (contro la media nazionale intorno al 7%), un reddito giornaliero medio intorno ai 0,60 dollari e un tasso di scolarizzazione del 5% (percentuale dei bambini che raggiungono il quinto anno di scuola elementare). 

Invece, dove si trova Korogocho? Korogocho è uno di quei quartieri sorti negli anni 60-70 intorno al territorio urbano di Nairobi, che è una megalopoli di 4 milioni di persone. Si trova nella periferia a nord est di Nairobi ed è uno slum abitato da circa 200 mila persone ammassate in case fatiscenti, baracche di lamiere spesso senza luce, fogne e acqua corrente. Lo sguardo si può perdere fra le innumerevoli baracche in lamiera, alcune in muratura, dove possono vivere in pochi metri quadrati anche una decina di persone.

Una calca di esseri umani in spazi strettissimi. I residenti di Korogocho provengono da più di trenta gruppi etnici, ma i popoli maggioritari sono i Kikuyu, i Luo e  i Luhya. È anche significativo notare che in questa zona risiede una nutrita comunità musulmana.

Ma se andassimo a chiedere al catasto della città di Nairobi dove si trova Korogocho, non troveremmo nulla nelle mappe catastali. Solo spazi bianchi. Questo la dice lunga sulla consapevolezza dei problemi di queste realtà, o meglio sulla volontà di risolverli ai piani alti della politica. Igiene, acqua ed elettricità sono un miraggio per la gente ammassata all’inverosimile in questi spazi ridottissimi, vicini a Dandora, la discarica più grande e inquinante della città.. 

Alice for Children in campo per le comunità di Korogocho

“Alex, perché hai scelto Korogocho? Non potevi scegliere un’altra baraccopoli un po’ più decente?”
 “L’ho scelta apposta, perché se qualcosa funziona qui, può funzionare da qualsiasi altra parte”

Queste parole di Alex Zanotelli frate comboniano che ha consacrato la sua vita ai più deboli e ha dedicato alla sua attività missionaria a Korogocho un libro omonimo, riassumono bene lo spirito con cui lavoriamo a Korogocho dal 2007.

Alice for Children, grazie anche al suo programma Alice Korogocho, offre educazione, cibo, cure mediche a circa 3000 bambini con due scuole primarie, due orfanotrofi e una scuola professionale di cucina italiana.

Abbiamo deciso di lanciare la campagna Slum Rights Matter, per la tutela dei diritti di chi vive negli slum. Fino a oggi abbiamo agito con azioni concrete e pratiche verso i bambini e le comunità lottando per garantire i loro diritti, siamo sempre stati concreti, ma è tempo anche di denuncia, i fatti e le azioni sono essenziali, ma anche le parole contano. Faremo della testimonianza sul campo la nostra forza, tentando di contribuire, nel nostro piccolo, al cambiamento delle condizioni di vita di donne e bambini nelle baraccopoli di Nairobi.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su linkedin
LinkedIn