Il buon proposito per il 2022: adottare un bambino a distanza

Le feste sono giunte al termine. È arrivato il momento di riporre via decorazioni e presepi e di lasciarsi alle spalle grandi abbuffate e feste in famiglia.
L’anno nuovo è entrato finalmente nel vivo, con tutte le sue sfide che ci presenterà e le soddisfazioni che, speriamo, ci toglieremo.

Il momento in cui molti di noi fanno dei buoni propositi per l’anno nuovo, immaginano di migliorare la propria quotidianità e le propria vita cambiando abitudini, lanciandosi in attività mai provate prima e facendo esperienze che anche solo qualche settimana fa non ci saremmo mai sognati.

Insomma, i classici ma sempreverdi buoni propositi per il nuovo anno. Tra questi, c’è di sicuro quello di sentirsi meglio con sé stessi, ma anche quello di avere un impatto positivo sulle persone intorno a noi e che conosciamo.
Rendere il mondo un po’ migliore e allo stesso tempo arricchire la propria vita di esperienze, affetti e conoscenze.

Esiste un modo per farlo: adottare un bambino a distanza.

Il buon proposito per quest’anno: l’adozione a distanza

Adottare un bambino a distanza significa sostenerlo nella sua crescita con una donazione regolare. Permettergli di andare a scuola, di aver una dieta completa ed equilibrata nonché di ricevere ogni cura medica di cui ha bisogno.

Vuol dire cambiare, in meglio, la sua vita e permettergli di costruirsi un futuro. Adottare a distanza un bambino proprio ora, all’inizio del 2022, vuol dire fargli iniziare l’anno in modo davvero eccezionale. Ma vuol dire anche dare un valore ancora più grande al tuo, di anno.
Ti dà la possibilità di fare qualcosa di concreto e importante per un bambino meno fortunato, ma anche di conoscere la sua realtà quotidiana, capire in che contesto vive e scoprire un nuovo pezzo di mondo.

Non solo, adottare a distanza con Alice for Children ti dà la possibilità di conoscere direttamente il bambino che andrai a sostenere.
Scambiando lettere con lui o parlando direttamente con lui su Skype potrai vedere con i tuoi occhi l’impatto e gli effetti della tua donazione, ma potrai anche conoscere davvero il bambino che sosterrai. Non sarà una donazione fredda e impersonale, ma un rapporto umano vero e sincero.

Alice for Children opera da 15 anni nelle baraccopoli di Nairobi, aiutando più di 3000 bambini.
Nelle baraccopoli, milioni di persone vivono in baracche di pochi metri quadri, senza acqua corrente o elettricità. I bambini non possono andare a scuola ma sono costretti a lavorare nella vicina discarica di Dandora per pochi centesimi al giorno.
Uno scenario da incubo che viola i loro diritti.

Adottare a distanza con Alice for Children significa aiutare un bambino che vive in uno dei luoghi più poveri del pianeta. Ma significa anche creare un nuovo rapporto, allargare la propria famiglia e arricchire la propria vita.

Vuol dire iniziare il 2022 nel modo migliore!

Condividi:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn

Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi il nostro Alice Magazine