diritti delle donne

I diritti delle donne colpiti dalla pandemia

All’avvicinarsi dell’8 marzo, Giornata Internazionale della donna, siamo portati a riflettere sulla situazione dei diritti delle donne nel mondo; alle sfide che la difesa di questi diritti deve ancora superare a già che è necessario fare per difendere i diritti delle donne, in occidente e non solo. Una delle tematiche più importanti riguarda l’impatto che il Covid ha avuto sulla condizione delle donne nel mondo.

I diritti delle donne e la pandemia

La pandemia di Covid-19 e soprattutto le restrizioni imposte della autorità dei vari stati per frenare il contagio hanno limitato fortemente la nostra libertà e la nostra vita, ma hanno anche avuto un impatto molto forte sulla difesa dei diritti delle donne nel mondo.

Ad esempio, le restrizioni che hanno portato milioni di persone a restare confinate in casa hanno segnato un deciso aumento dei casi di violenza di genere e domestica.
I dati sono incontrovertibili, in tutto il mondo si è assistito ad un deciso aumento dei casi di violenza domestica, dovuti alla convivenza forzata nelle mura domestiche, ma anche allo stress economico e personale affrontato da milioni di persone.

L’effetto del Covid nelle baraccopoli di Nairobi

Alice for Children opera da più di 15 anni nelle baraccopoli di Nairobi, uno dei luoghi più poveri del pianeta. Le baraccopoli, o slum, sono grandi agglomerati urbani di pochi metri quadri composti da baracche di lamiera, senza acqua corrente o elettricità.
Qui milioni di persone vivono in assoluta povertà, i bambini non possono andare a scuola, ma sono costretti a lavorare nella discarica di Dandora, raccogliendo rifiuti a mani nude per pochi centesimi al giorno.

In un contesto così drammatico, le restrizioni imposte dal governo per arginare la pandemia si sono abbattute in modo ancor più violento.
Negli ultimi due anni si è assistito ad un deciso aumento dei casi di violenza domestica e di violenza di genere. Le violenze su donne e bambine, spesso costrette a matrimoni precoci, sono aumentate a dismisura.

Abbiamo assistito in prima persona all’impatto che il Covid ha potuto avere sui diritti delle donne, a quanto abbiamo potuto intaccarli e a come le restrizioni abbiano esposto le donne a rischi per la loro incolumità. Sia per l’aumento della povertà generale, sia per la convivenza forzata e costante con partner violenti.

Il vaccino contro il Covid difende i diritti delle donne

Visto il chiaro legame esistente tra violazioni dei diritti delle donne e l’incidenza del Covid-19, risulta ancora più chiaro quanto sia importante vaccinare più persone possibili, anche in Africa.

In Africa, solo circa il 10% della popolazione ha ricevuto il vaccino contro il Covid-19, una percentuale inaccettabile e che allontana l’uscita definitiva dalla pandemia.
Aiutare a vaccinare un abitante delle baraccopoli vuol dire avere un impatto anche sulla loro vita quotidiana e sulla loro situazione socio-economica.
Significa allontanare il rischio di nuove restrizioni che possono portare a gravi violazioni dei diritti umani, in primis quelli delle donne.

Condividi:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn

Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi il nostro Alice Magazine