Viaggio a Nairobi – 2022, il nostro diario di viaggio

Negli scorsi giorni si è tenuto il Viaggio Missione 2022 nei nostri progetti a Nairobi. Viaggio che ha coinvolto decine di donatori e genitori a distanza venuti a Nairobi per assistere dal vivo alla povertà delle baraccopoli, le atrocità della discarica di Dandora ma anche e soprattutto per toccare con mano l’impatto del nostro lavoro sulla vita dei bambini dello slum.

Il viaggio è stato particolarmente importante, dato che è il primo a tenersi dopo la pandemia. Tre anni di lontananza per i nostri donatori e genitori a distanza che si sono fatti molto sentire, e che hanno aumentato ancor di più l’impatto emotivo di un’esperienza davvero indimenticabile.

In visita per scoprire la realtà dello slum

Durante il viaggio, donatori e genitori a distanza sono potuti entrare in contatto diretto con la dura realtà delle baraccopoli. Il modo migliore per capire quanto sia importante il nostro lavoro quotidiano è infatti quello di vedere in prima persona il contesto in cui lavoriamo, di parlare direttamente con le persone che vivono nelle baracche e che ogni giorno lottano per sopravvivere.

È stato possibile anche visitare la discarica di Dandora, la più grande discarica a cielo aperto di tutta l’Africa, in cui migliaia di donne, uomini e bambini lavorano ogni giorno raccogliendo rifiuti a mani nude per pochi centesimi.
Donatori e genitori a distanza hanno potuto parlare con le donne che ogni giorno rovistano tra i rifiuti della discarica, conoscere le loro storie, il loro duro lavoro ma anche la loro speranza per un futuro migliore, soprattutto per la vita dei loro figli che grazie ai nostri donatori possono andare a scuola.

Celebrazioni e inaugurazioni nelle nostre scuole dello slum

Le visite alle nostre scuole di Korogocho e Dandora sono state arricchite da ricche celebrazioni da parte dei nostri bambini, tra balli, canti e rappresentazioni teatrali. Ma è stata anche l’occasione per inaugurare la nuova Junior Secondary School di Korogocho, la scuola media realizzata a seguito della riforma dell’istruzione keniana e che accoglierà i primi ragazzi all’inizio del prossimo anno.

La scuola è dedicata alla memoria di Filippo Masi, membro della nostra assemblea dei soci, nipote del nostro presidente e che da sempre era vicino al nostro lavoro quotidiano. Lavoro che aveva toccato con mano con numerosi viaggi a Nairobi. Il laboratorio di chimica della scuola, che verrà animato da attività interattive con i nostri studenti, è invece dedicato alla famiglia Shapira-Argenti, il cui impegno ha reso possibile la sua realizzazione.

In campo con Fondazione Milan!

Non sono mancati però anche momenti all’insegna dello sport. Durante il viaggio si è tenuto infatti il torneo di calcio femminile organizzato tra le scuole delle baraccopoli. Il primo coronamento del progetto My Dream, organizzato con Fondazione Milan a seguito della vittoria del contest From Milan to the World.

Un momento di gioco, di sport, di lavoro di squadra e di agonismo che ha visto decine di bambine dello slum competere per la vittoria finale, ma anche centinaia di bambini e bambine stipati sugli spalti per fare il tifo. Alla fine la vittoria è andata alla squadra di Alice Village, il nostro orfanotrofio, che ha vinto la finalissima.

A celebrare l’evento, eseguendo il calcio d’inizio e premiando le squadre partecipanti, era con noi anche Benedetto di Blasi, fundraiser di Fondazione Milan e che fin dall’inizio ha monitorato i progressi del progetto.

La nostra adozione a distanza ha accorciato le distanze!

Durante il viaggio, i genitori a distanza hanno potuto finalmente conoscere di persona e abbracciare i bambini che sostengono da tempo. Le chiamate Skype che avevano fatto nel corso del tempo avevano creato un vero legame anche a distanza, ma il potersi incontrare di persona è stata comunque un’emozione incredibile.

Hanno conosciuto le famiglie dei bambini che aiutano a crescere ogni giorno, visitato le loro case all’interno delle baraccopoli e capito ancor meglio quanto il loro sostegno sia fondamentale per la crescita.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su linkedin
LinkedIn